Il fratello di Pablo Escobar cita in giudizio Apple

Home News Tecnologia Il fratello di Pablo Escobar cita in giudizio Apple

Il fratello di Pablo Escobar, Roberto Escobar, ha citato in giudizio Apple per 2 miliardi di dollari. La causa sarebbe per un bug noto di FaceTime, che avrebbe messo la vita di Roberto in pericolo.

Sembra il proseguo della una serie TV “Narcos“, ma non è così. Roberto Escobar, fratello del famoso narcotrafficante colombiano, ha citato in giudizio l’Apple per ben 2,6 miliardi di dollari, e non per un eventuale concorrenza.

Parlo di concorrenza, perché Roberto ha fondato una società che produce smartphone la Escobar Inc.

Quindi non si tratterebbe di questo, ma si tratta di un mal funzionamento del suo iPhone X, che credeva fosse uno degli smartphone più sicuri al mondo.

In pratica Roberto ha ricevuto chiamate indesiderate su FaceTime, che qualche tempo fa era un bug noto delle videochiamate Apple.

Peccato che a causa di questo bug, Escobar ha perso alcuni dati, tra cui il suo numero di cellulare divenuto pubblico ad alcune persone. Questo ha causato diverse minacce di morte nei suoi confronti, che ha portato Roberto a denunciare Apple.

Escobar cita in giudizio Apple

Escobar cita in giudizio Apple

Ecco quali sono i capi di accusa secondo Roberto Escobar, che lo hanno portato a citare in giudizio Apple:

  • Violazione del contratto: richiesti 100 milioni di dollari, il contratto orale stipulato con la dichiarazione da parte di un dipendente Apple, che il suo smartphone non aveva exploit.
  • Negligenza: richiesti 500 milioni di dollari, dovuta alla mancata comunicazione da parte di Apple, della presenza dell’exploit a Escobar
  • Afflizione emotiva e morale: richiesti 2 miliardi di dollari, dovuta allo stress generato, all’imbarazzo, umiliazione e angoscia legati alla vicenda.

Apple avrà 30 giorni di tempo massimo per una risposta, anche se intanto tutto tace e non ha voluto commentare la vicenda. Escobar e i suoi legali, sono sicuri di vincere la causa, per i danni arrecati, a causa del famoso bug di FaceTime, che ricordo ormai risolto.

Ciroandrea Gagliano
Ciroandrea Gagliano
Appassionato di Informatica ed Internet, ho studiato Digital Marketing e sono specializzato in SEO-SEM, Web Marketing & Communication Management.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Annuncio
Annuncio