Chrome implementa il Deep Link nonostante i problemi di privacy

Home News Tecnologia Chrome implementa il Deep Link nonostante i problemi di privacy

La maggior parte di noi utilizza Google Chrome con browser predefinito, ma non tutti sanno che da oggi 22/02/20, con l’ultimo aggiornamento di Chrome, è stato implementato lo “Scroll To Text Fragment“, un deep link con seri problemi di Privacy.

Molto utile da un punto di vista tecnologico dell’utente e per gli sviluppatori, ma irrispettoso della privacy nei confronti degli autori di siti Web.

Lo Scroll To Text Fragment, consente collegamenti diretti ai documenti Web, ma senza considerare i problemi di privacy e supporto da altri produttori di browser.

A differenza della funzionalità di ancoraggio HTML, i collegamenti Scroll To Text Fragment, possono essere creati da chiunque per puntare a diverse parti di un documento, in profondità. Questo viene fatto specificando uno Snippet di testo nell’URL.

Ad esempio:

Lo snippet di testo deve essere fornito nel formato #: ~: text =, ad esempio: “https://www.ghacks.net/#:~:text=firefox”.

I casi in questione includono motori di ricerca che possono essere collegati a contenuti di una pagina, ma anche a siti di risorse come Wikipedia e utenti che desiderano condividere collegamenti che indirizzano ad una parte specifica di un documento, allo stesso modo in cui è possibile condividere collegamenti video su YouTube che indicano un tempo di riproduzione specifica.

Via Twitter, Peter Snyder, ricercatore sulla privacy presso Brave Software, ha sollevato polemiche contro il nuovo aggiornamento “Chrome 80“. La funzione potrebbe consentire nuovi attacchi alla privacy secondo Snyder, che ha pubblicato un esempio di potenziale problema su GitHub:

Ad esempio: considera una situazione in cui posso visualizzare il traffico DNS, ad esempio una rete aziendale, e invio un link al portale sanitario dell’azienda, con “#: ~: text = cancer“. Su alcuni layout di pagina, potrei essere in grado di dire se il dipendente ha il cancro cercando le risorse nella pagina più profonda”.

Sempre Snyder:

“Penso che Google abbia un potere notevolmente maggiore negli standard web rispetto a qualsiasi altro competitor, tra l’altro perché sa che altri browser dovranno implementare la funzionalità di Google, ed adeguarsi a questo tipo di privacy per soddisfare l’implementazione di Google per motivi di compatibilità web”.

Anche la stessa Google, ha creato un documento e ha reso pubblica la possibilità di potenziali problemi collegati alla funzione “Scroll To Text Fragment“. In esso, Google evidenzia potenziali problemi di privacy.

Facci sapere cosa ne pensi nei commenti.

Ciroandrea Gagliano
Ciroandrea Gagliano
Appassionato di Informatica ed Internet, ho studiato Digital Marketing e sono specializzato in SEO-SEM, Web Marketing & Communication Management.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Annuncio
Annuncio