Alternative a WeTransfer: Ecco quali sono

Home Guide Informatica Alternative a WeTransfer: Ecco quali sono

Alternative a WeTransfer: quali sono? Si parla di Dropbox, Smash, Google Drive, Hightail, Terashare. Come si sa, WeTransfer è un comodo servizio che permette di inviare file di diversa estensione, immagini o altri tipi di documenti tramite mail.

Questi elementi possono essere anche inviati tramite la propria casella di posta elettronica, solo che non sempre quest’ultima funziona. Spesso infatti si verificano malfunzionamenti soprattutto se si devono inviare file di diversi MB o addirittura GB.

In tal caso si ricorre al servizio WeTransfer, che presenta due versioni. Tra queste, una è gratuita e permette di inviare documenti fino ad un massimo di 2 GB, e l’altra è a pagamento. Con quest’ultima si possono mandare ben 20 GB di file.

Alternative a WeTransfer

Le alternative a WeTransfer invece come funzionano?

Dropbox

Dropbox
Dropbox

Alternative a WeTransfer: quali soluzioni adottare? Tra le prime da citare vi sono senza dubbio il famoso Dropbox ed anche Smash.

Per quanto riguarda il primo, è una delle alternative a WeTransfer più conosciute ed il suo funzionamento è anche simile a quest’ultimo. Come WeTransfer infatti, anche Dropbox dispone di una versione gratuita e di una a pagamento. La prima offre all’utente la possibilità di inviare al destinatario un massimo di 2 GB totali di documenti. Questa però non è l’unica caratteristica di questa versione: i 2 GB sono anche archiviabili. Questo vuol dire che Dropbox permette anche di salvare i file e quindi di non perdere mai alcun tipo di documento, dato, immagine o video.

La quantità di memoria disponibile si può aumentare pagando una determinata somma e acquistando i pacchetti chiamati rispettivamente “Plus” e “Premium”.

Dropbox è famoso anche perché permette la condivisione dei file. Questa funzione si può attivare semplicemente fornendo la mail dell’utente con il quale si vuole condividere il materiale. Il servizio è coperto da crittografia avanzata, che garantisce un’ampia protezione e sicurezza.

Smash

Smash
Smash

Forse una delle alternative più valide a WeTransfer, se non il servizio più valido in assoluto per la condivisione dei file. Meno conosciuto di Dropbox, tuttavia Smash offre senza dubbio una maggiore libertà all’utente.

Quest’ultimo infatti può decidere per quanto tempo condividere i file con il destinatario e soprattutto può inviare quanti file vuole. Questo significa che non vi sono limiti sull’estensione dei documenti: questi infatti possono superare anche i 20 GB.

Al fine di far avvenire la condivisione, occorre solo indicare la mail del destinatario, ma non è necessario nemmeno aprire un account su Smash. Altro fattore molto vantaggioso è che il servizio è gratuito.

Google Drive

Google Drive
Google Drive

Anche Google Drive offre la possibilità di condividere i file con qualsiasi destinatario, ma ha un limite per l’estensione dei file. Tale limite è di 15 GB, ma vale solo se si utilizza la versione gratuita. Se invece si paga una somma di denaro, si possono aggiungere ulteriori funzioni oppure ulteriori GB.

Anche in questo caso si parla di un servizio molto conosciuto, anche se non il più conveniente. Google Drive garantisce anche la possibilità di inserire password sui file condivisi.

Hightail

Hightail
Hightail

Si chiama “Hightail” ed è un’altra alternativa a WeTransfer. È un servizio che se usato nella versione gratuita, permette di condividere al massimo 20 MB di file. Il limite massimo per l’archiviazione invece è di 2GB.

Se si sceglie poi la versione a pagamento, la soglia aumenta e quindi si potranno condividere anche file di maggiore estensione.

La particolarità di Hightail è che permette di condividere anche file direttamente da altri servizi come Dropbox e Smah.

Terashare

TeraShare
TeraShare

Terashare è completamente diverso dalle altre alternative a WeTransfer. Prima di tutto si basa su BitTorrent e questo sistema gli garantisce di poter condividere file anche di grandi dimensioni. Se questi ultimi superano i 10 GB, affinché la condivisione avvenga è obbligatorio che il proprio computer sia accessibile al destinatario.

Se invece l’estensione dei file è minore ai 10 GB, allora non ci sarà neanche bisogno di lasciare acceso il PC per permettere la condivisione. In tal caso infatti i file saranno direttamente memorizzati sui server di Terashare.

Di conseguenza, saranno disponibili e qualsiasi utente.

Lucio Gigliofiorito
Lucio Gigliofiorito
Diplomato in Grafica e Comunicazione, dopo aver finito la scuola superiore si arruola nell' Esercito Italiano per un'esperienza personale ma le sue passioni lo portano a fondare Il 3 Marzo 2019 SOS Guide.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Annuncio
Annuncio